mercoledì 28 gennaio 2009

Far Cry 2


C'era un tempo in cui tra amici videogiocatori si diceva: "un giorno si giocherà nella realtà virtuale con quei caschetti scemi che si vedono nei film, un giorno la grafica sarà fotorealistica, un giorno l'intelligenza artificiale sarà più intelligente di quella naturale".
Ecco quel giorno non è arrivato. Tranquilli.
Però con Far Cry abbiamo fatto qualche passo avanti.

Far Cry 2 è veramente un gran bel gioco, certo in linea con la moda del momento, lanciata da GTA: free roaming, sandbox, non linear story. Adoro prendermi per il culo con queste parole ormai sulla penna di tutti i recensori. Per gli sfigati non convertiti all'italiano inglesizzato, Far Cry è un gioco basato su una trama non completamente lineare: potete compiere scelte che in parte modificano la storia, seguire la linea di missioni principali o smazzarvi anche tutte quelle secondarie.

Un'area geografica, limitata ma ampia, tutta da esplorare liberamente. In questo caso una stupefacente Africa con vegetazione che sembra viva, tramonti da ammirare a costo di farsi ammazzare dal primo drappello di facinorosi incazzati.

Tanta azione e sparatorie, estrema libertà di crearsi un proprio stile d'azione.
Chi ama lo spara spara sarà gratificato da esplosioni, granate, mitragliate e attacchi frontali a go go. Chi ama fare il geco della giungla con la tuta mimetica, potrà strisciare tra le felci per sorprendere il nemico alle spalle.

I mezzi di trasporto sono una parte importante del gioco. Dato che l'area è bella ampia e le missioni bastarde, dovrete spostarvi da un capo a un'altro della regione. Le jeep sono il mezzo migliore anche perchè armate. Ci sono un sacco di posti di blocco che potete sventrare a suon di piombo oppure infrattatarvi nella giungla con la vostra jeep. E' un divertimento, soprattutto se beccate le jeep con il cannoncino sparagranate. Quello fa proprio un gran casino.

Ci sono anche novità nella struttura di gioco che aumentano il livello di sfida. Ogni volta che accetterete una missione un vostro amico vi proporrà di cambiare i piani d'azione e ottenere nuovi obiettivi. Potrete così guadagnare più diamanti e comprarvi armamenti più potenti.

E' tutto molto bello, ma qualche cosa migliorabile c'è. Per esempio il sistema di sviluppo del personaggio è un po' limitato. Se fate tutte le missioni secondarie, dopo un po' non avrete più cose da comprare e quelle rimaste saranno pressoché inutili. Peccato, ci sarebbe stato molto più da esplorare in questo senso.
Uno dei mezzi di trasporto è il deltaplano che trovate parcheggiato vicino a qualche rifugio sopraelevato. E' praticamente imposssibile da portare, a meno che non andiate dritti fino a schiantarvi contro il fianco della montagna. Qui il realismo raggiunge un livello tale da essere frustrante. Virate e in men che non si dica state già precipitando. Senza contare che se finite su un campo di nemici, vi bucheranno immediatamente a pallettoni.

In una missione, ho trovato due bug divertenti. Con una jeep mi sono incastrato in un sentiero stretto e non riuscivo nemmeno a scendere. Mi sono quasi dovuto far saltare per aria con una granata per girare la maledetta macchina. Di seguito, uccisi tutti i nemici, ho perso in missione l'amica che mi stava aiutando. E ' morta stecchita. Eppure me la ritrovavo sempre in piedi, sana come un pesce, in mezzo al deserto.
Pellaccia dura.

Consiglio vivamente. Ci si diverte. Bravi.

domenica 16 novembre 2008

SPORE

Mamma mia quanto rumore che si è fatto per questo gioco.
Chissarò mai io per mettere in discussione gli altisonanti voti assegnati a questa epopea videoludica?
Allora mi sono messo d'impegno, fanatico quale sono dei giochi di simulazione, io che ogni tanto faccio partire Sim Tower sul mio portatile con il System 9...

Non mi dilungo in descrizioni dettagliate, non potrei farlo e poi tutti ormai sapranno tutto di questo gioco.
Partiamo come organismi mono-micro cellulari, sguazzando nel brodo primordiale e, già qui, la prima smorfia.
Questo gioco l'ho già visto.
Si chiama flOw, lo potete giocare su internet in versione più essenziale in flash a questo link , sviluppato poi anche PS3 e PSP, dato il suo successo.
Vabbè. E' comunque divertente. Andiamo avanti. Diventiamo creature terrestri.
Questo è il vero lato divertente del gioco: la personalizzazione della propria creatura. Qui vi potete sbizzarrire alla grande, c'è gente che addirittura ha forgiato creature a forma di organo genitale (cazzo, per intenderci), e vederle scorrazzare in giro è uno spasso.
Fatto questo, dovete cominciare a conquistare il mondo a suon di balletti, canti o anche botte.
E, devo essere onesto, mi sono stufato dopo 15 minuti di gioco. Ho mollato il colpo. Non mi succede spesso e quasi mi dispiaceva, ma mi sono proprio annoiato, benchè varie recensioni lette dicono che l'ultimo capitolo, la conquista integalattica, è grandiosa.
Ci credo, sulla parola.

Uzumaki

lunedì 8 settembre 2008

Mass Effect

Quando ci si trova davanti a un grande gioco, è giusto inchinarsi e rendere omaggio.
E io mi genufletto. Perchè Mass Effect mi ha dato veramente parecchie soddisfazioni.

A essere sinceri, sarà la next gen, sarà la bravura di questi Bioware, ma è la prima volta che godo di un gioco così completo e soddisfacente su tanti fronti: grafica, storia, coinvolgimento, varietà. Certo due cosine da mettere a posto ci sono, ma non macchiano nemmeno lontanamente l'ottima impressione globale che il gioco elargisce.

Storia: 8.5
Fantascienza allo stato puro. Tutti gli elementi del genere ben dosati, una storia intrigante quasi fino alla fine e un'incredibile profondità dei personaggi. Qui dietro c'è un lavoro di sceneggiatura serio e articolato, mica la solita storiella dello spazio, spara spara, alieni cattivi ecc. Qui si racconta di razze aliene in convivenza o in conflitto, esplorazioni galattiche, specie senzienti, intelligenze meccaniche, minacce stellari, mica cazzi. Insomma a parte la fine con il boss, un po' scontata, questo gioco regala ore di voglia di conoscere i risvolti della vicenda.

Grafica: 8.5
Anche qui siamo allo stato dell'arte. Parlare di poligoni sarebbe quasi offensivo. I personaggi sono strabilianti, in particolare gli alieni, particolarmente ispirati. Le ambientazioni, almeno quelle che non si ripetono, sono immersive e sempre originali. A tratti è come assistere a un film. E non di serie B.
Per non parlare dei pianeti, che nonostante alla lunga propongano sempre le stesse ambientazioni, hanno sempre un notevole fascino, ambientazioni atmosferiche e morfologiche verosimili e molto curate.

Gameplay 8.5
La giocabilità di Mass Effect è degna finalmente di quello che dovrebbe essere un vero videogame.
Varia, articolata, a volte ingegnosa e quasi sempre attenta ai dettagli. I pochi caricamenti sono mascherati da viaggi in ascensore in cui vengono date notizie o si svolgono conversazioni difficilmente noisose.
Nel gioco è ben dosata la parte esplorativa suddivisa in missioni di vario genere, più simili a un gioco di avventura, e la parte di combattimento. C'è parecchio da divertirsi con le varie armi e i vari poteri biotici, alcuni veramente soddisfacenti. Non c'è come lanciare un mostrone contro una parete o farlo lievitare mentre lo crivellate di colpi.
Altro aspetto interessante è lo sviluppo dei personaggi con le loro abilità e l'equipaggiamento. Molta carne al fuoco, con un giusto equilibrio, senza scadere nel maniacale.
Stranamente ho trovato la curva di difficoltà nei combattimenti calare con il procedere del gioco piuttosto che il contrario. Come a dire si diventa un po' troppo forti o i nemici diventano meno sgamati e questo fa calare la tensione.
La nota dolente è che spesso le missioni secondarie sui vari pianeti sono ripetitive, sia negli obiettivi che nelle ambientazioni. Capita di scendere su un pianeta, trovare l'avamposto (sempre identico) e fare una carneficina.
Comunque il gioco non ne risente. E ve lo dico io che, preso dalla foga, ho completato tutte le missioni possibili immaginabili.
Qualche rallentamento ogni tanto, soprattutto per colpa degli ambienti con liquidi o luci particolari, per altro bellissimi da ammirare.

Suono e doppiaggio: 8
Musiche ispirate, mai invadenti. Voci e doppiaggio di prim'ordine. Ogni tanto, con la scusa del suono in 3d, la voce va e viene anche se in realtà il personaggio sta fermo, ma mica si può avere tutto.

Conclusioni
Non provarlo è un insulto. Per chi è appassionato di fantascienza poi è un dovere morale.
C'è dentro un po' di tutto: rpg, avventura, fps. Anche i più schizzinosi sapranno apprezzarlo. Acquisto obbligato.

Uzumaki

sabato 2 agosto 2008

Assassin's Creed

Prima che voi leggiate, devo fare una doverosa premessa.
Io sono l'uomo della prev gen. Ho giocato con la PS2 fino a un mese fa.
Poi dei miei colleghi impazziti, sapendo della mia insana passione per i videogiochi, mi hanno regalato l'XBOX, costringendomi al grande salto.

Tutto questo per dire che Assassin è il primo mio gioco next gen, perciò il mio giudizio sarà inevitabilmente parziale e poco oggettivo, se mai lo è stato.

Mi sono divertito, nonostante ammetta che la meccanica di gioco alla fine è come la girella, fai merenda sempre con quella.
Ho completato il gioco con la mascella a terra, la grafica così non l'avevo mai vista, abbiate pietà.

Storia 6+
La storia c'è, ci hanno messo dell'impegno nella ricostruzione storica e durante il gioco si intuisce il disegno che c'è alle spalle di tutto. Convince poco la parte del presente e anche il finale lascia un bel po' perplessi.
Non l'ho certo terminato per sapere come andava a finire, cosa che si capisce più o meno a metà del gioco.

Grafica 8,5
Qui sta il cuore del gioco, bellissimo da vedere. Quando vi arrampicate su una torre, sotto cui si stende una città con tutta la sua brulicante attività, ci sono dei piccoli uccellini che volano via al vostro arrivo. Se ci fate caso quel lato del muro è pure sporco di cacca d'uccello. Un tocco di classe.
Quando a cavallo si arriva in prossimità delle città la visuale è veramente suggestiva.
Insomma gran bel lavoro.

Gameplay 5,5
Purtroppo questo è il difetto più evidente del gioco. Gli sviluppatori si sono così impegnati nell'ottenere una grafica da urlo, che poi si sono dimenticati che un gioco va anche giocato.
Tutto si risolve in una serie missioni ripetitive, da svolgere in un numero limitato di città.
Dopo aver capito il meccanismo, potrete tranquillamente finire il gioco velocissimamente, sbloccando la missione finale dell'assassinio in ogni area della città, senza dover eseguire tutte le quest proposte, sostanzialmente uguali a se stesse.
In pratica: vai alla città designata, sali sulle torri più alte, rivela le missioni, eseguine almeno tre e sblocca il target da uccidere. Dopo un po' ci si rompe le balle. Peccato.

Suono e doppiaggio: 7
Buon lavoro per le musiche e gli effetti, il doppiaggio in italiano è ok. Solo che dopo un po' che risolvi le missioni, ti rendi conto che i poveracci che salvi dicono sempre la stessa frase, tanto che ti vien voglia di infilzarli con la spada.

Conclusioni
Lo consiglio solo ai neofiti nella next gen come me. Compratelo usato se volete godervi la vista di città come Gerusalemme dell'antichità o se siete dei maniaci della grafica e del free climbing.

Uzumaki